Forno statico o forno ventilato?

01:33:00



Almeno una volta seguendo una ricetta che prevede l’uso del forno ci siamo posti questa domanda:  ma dovrò usare il forno statico o il forno ventilato?
Partiamo subito dicendo che solo noi conosciamo perfettamente il nostro forno, tempi di cottura, cottura omogenea o no e temperatura. Il mio per esempio è ventilato e cuoce di più nella parte destra (?_?)
Ma cerchiamo di fare chiarezza  e in questo post troverete dei consigli utili su come utilizzare al meglio il forno.
Da un punto di vista tecnico quello che distingue il forno ventilato da quello statico è la presenza di una ventola che nel ventilato permette al calore di spandersi  in maniera omogenea.  La ventola può essere attivata sia con la sola resistenza superiore , quella inferiore o entrambe.

Forno ventilato
Questa modalità di cottura permette di poter cuocere diverse pietanze contemporaneamente poiché l’aria , grazie all’entrata in funzione della ventola,  si spande permettendo di cuocere in maniera più veloce.
Si possono cuocere tutte le pietanze, dalle lasagne alle crostate, dalle cotolette alle patate al forno. Per non seccare troppo i cibi è consigliato non utilizzare temperature troppo elevate.

Forno statico
Questa modalità di cottura è perfetta per tutti i lievitati, perché consente una delicata diffusione del calore, permettendo di ottenere una cottura ottimale di pizza, pane , pandori, etc. Le resistenze si surriscaldano e la cottura per irraggiamento  permette di cuocere perfettamente i cibi all’interno. E’ indicata anche per il pan di spagna, ciambelloni e tutti i tipi di torte.

Qualche consiglio
E’ fondamentale, indifferentemente dalla tipologia di forno che possediamo, avere sempre un elettrodomestico ben pulito.  E’ possibile pulire anche senza l’aiuto di prodotti chimici visto che  viene utilizzato per la cottura dei cibi. Un valido aiuto è dato da acqua, bicarbonato di sodio e aceto bianco.
Se la ricetta prevede la cottura con il forno statico e voi l’avete ventilato ricordate di abbassare la temperatura di circa 20° o viceversa.
Se possedete solo il ventilato, per pane pandori panettoni, assicuratevi che l'alimento sia ben lievitato e durante la cottura mettete un contenitore di acqua sul fondo del forno in maniera da non far seccare il cibo. Gli ultimi 10 minuti, togliete il recipiente e lasciate finire di cuocere e dorare.
Per la pizza i primi 10 minuti posizionatela nella parte bassa del forno in maniera da far cuocere la base senza far seccare il condimento, poi gli ultimi minuti spostate la teglia al centro.
Se volete avere delle patatine prefritte surgelate croccanti anche in forno posizionatele  su una teglia  una a fianco all'altra senza sovrapporle e al centro del forno.

Sicuramente più di tutti i consigli e suggerimenti è importante imparare a conoscere il proprio forno utilizzandolo e sperimentando fino ad arrivare alla cottura perfetta.






You Might Also Like

0 commenti